Retina chirurgica

RETINA CHIRURGICA
RESPONSABILE Dr Piergiorgio TOSCHI

Cos'è il vitreo?

Il vitreo è un gel compatto situato all’interno dell’occhio.

Cos'è la retina?

La retina è un sottile strato di tessuto nervoso che riveste la superficie posteriore dell'occhio e trasforma i segnali luminosi , provenienti dall'esterno, in impulsi nervosi, i quali sono trasmessi al cervello attraverso il nervo ottico.
La regione funzionalmente più importante della retina è la macula, che viene utilizzata per la visione distinta e per la lettura, si tratta della parte più nobile della retina, in grado di discriminare i dettagli delle immagini che guardiamo. Per conseguenza, le malattie della macula hanno un immediato effetto negativo sulla funzione visiva.

Quali sono le patologie vitreo-retiniche di interesse chirurgico?

Le patologie vitreo-retiniche di interesse chirurgico sono:

  • Il foro maculare, caratterizzato da una soluzione di continuo che si sviluppa al centro della macula. Il danno a carico della macula causa l'annebbiamento e/o la distorsione delle immagini
  • Il pucker maculare, caratterizzato dalla presenza di una membrana traslucida che determina una trazione a livello maculare
  • La retinopatia diabetica proliferante
  • Il distacco di retina

L’immagine mostra un pucker maculare

Esiste un ambulatorio per i pazienti con patologie vitreo-retiniche?

I pazienti con patologie vitreo-retiniche vengono visitati nell'ambulatorio RETINA CHIRURGICA.
In questo ambulatorio vengono effettuate sia le visite preoperatorie, che i controlli successivi all'intervento chirurgico.

Quanti tipi di interventi di chirurgia vitreo-retinica esistono?

Esistono essenzialmente 2 diversi interventi: la chirurgia ab-externo, detta anche episclerale, e la chirurgia ab-interno, detta vitrectomia

Qual è la differenza tra i 2 interventi?

La chirurgia episclerale causa un minore traumatismo sulla retina e sulle strutture intraoculari, dal momento che essa non prevede l'ingresso all'interno del bulbo oculare. Il principio di questa chirurgia è quello di risolvere il distacco di retina spingendo la parete esterna dell'occhio verso la retina distaccata, utilizzando materiali biocompatibili suturati alla sclera. Questo intervento è indicato solo per alcune patologie come per esempio il distacco di retina non complicato.
La vitrectomia causa un maggiore traumatismo sulla retina e sulle strutture intraoculari, dal momento che essa prevede l'ingresso all'interno del bulbo con strumenti di microchirurgia. Essa consiste sostanzialmente nella rimozione del corpo vitreo e può essere necessaria in quelle malattie che sono caratterizzate o da un alterato rapporto tra la retina ed il corpo vitreo o da una perdita di trasparenza di quest'ultimo. Il vitreo viene rimosso e sostituito o con soluzione salina o con una bolla di gas (che si riassorbe in qualche giorno o settimana) o con l'olio di silicone (che viene rimosso dopo qualche mese).

E’ necessario il ricovero presso la Clinica Oculistica?

Solitamente i pazienti sottoposti a d interventi di chirurgia vitreo-retinica vengono ricoverati per alcuni giorni presso il REPARTO DI DEGENZA della Clinica Oculistica